Banner
Banner
Tu sei qui :
Associazione Minerva Narni
PREMIO MIMOSA 2013 – 8° edizione PDF Stampa E-mail
Venerdì 01 Marzo 2013 17:29
Dedicato a Franca Abumen,
vittima a Narni dell’ennesimo femminicidio

E lo chiamano Amore... culla o sepolcro
“Amor, poi che tu se' del tutto 'gnudo,
non fossi alato, morresti di freddo,
ché se' cieco e non vedi quel che fai”
(Lapo Gianni)

- Quando amare si identifica con possedere, quando la trasformazione dei ruoli, la crescita di consapevolezza e il desiderio di affermazione di un individuo significa per gli altri perdita di potere e controllo, l’amore diventa insopportabile e le persone si trasformano in gabbie.
- Uno più uno diventa mille: quando amare fa crescere e moltiplica le opportunità vitali di espressione, accompagna la vita, consola e ripara, diverte nello stupore duraturo di costruirsi diversi.
Il Comune di Narni- Assessorati alla Cultura e alle Pari Opportunità e l’Associazione Minerva in occasione dell’ Otto Marzo 2013 promuovono un concorso di scrittura narrativa finalizzato a promuovere il racconto di momenti in cui siano state vissute esperienze pertinenti con la tematica suggerita, per evocare ricordi significativi, per esprimere idee, sensazioni, stati d’animo, per affermare ideali, sogni, punti di vista.
I racconti potranno riguardare storie di vita vissuta o di pura fantasia e dovranno avere per protagoniste le donne, con tutto ciò che il loro variegato universo può rappresentare.

L’iniziativa si propone di:

•    promuovere e valorizzare la cultura legata al mondo femminile;
•    affermare il punto di vista femminile;
•    contribuire a realizzare pratiche di uguaglianza delle opportunità;
•    contrastare la cultura falsamente neutrale di alcuni prodotti mediatici tesi a rendere la figura femminile oggetto di consumo, generando nuove discriminazioni e violenze;
•    esprimere, condividere e sostenere il valore delle differenze.

REGOLAMENTO
ART. 1

Il concorso è aperto a tutti, uomini e donne, di qualsiasi nazionalità ed età. Le scuole (medie inferiori e superiori) potranno partecipare con lavori sia individuali che di gruppo.
La partecipazione è gratuita.

ART. 2

I racconti, in lingua italiana, devono avere una lunghezza massima di 90 righe; ogni riga preferibilmente massimo di 58 battute e, comunque, in totale non oltre 5300 battute compresi gli spazi.
Al fine di consentire una corretta trasposizione dei testi, i racconti dovranno essere redatti in WORD (o similari) con caratteri di uso corrente e senza particolari formattazioni di testo.
I racconti non devono contenere  disegni, grafica e nessun altro tipo di illustrazione.
Ad esclusione delle scuole, ogni partecipante può inviare un solo elaborato.
Nel caso di autori minorenni è obbligatoria l’autorizzazione a partecipare da chi esercita la potestà parentale con la specifica dei relativi dati anagrafici. Nel caso di partecipazione delle scuole, sarà la scuola stessa ad impegnarsi per l’autorizzazione.

ART. 3

I racconti inediti e liberi da contratti editoriali dovranno essere inviati esclusivamente tramite mail entro e non oltre il 16 marzo 2013 ai seguenti indirizzi:
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

L’invio dovrà essere corredato dai dati identificativi dei partecipanti (nome, cognome, indirizzo, età, professione, recapiti telefonici), del titolo dell’elaborato e della categoria in cui si concorre:
-    categoria A), riservata agli adulti;
-    categoria B), riservata agli alunni alla scuola secondaria di 2° grado;
-    categoria C), riservata agli alunni della scuola secondaria di 1° grado.
Il racconto dovrà essere inoltrato unicamente a mezzo allegato anonimo, ripetendo il titolo e la categoria (A-B-C) onde consentire alla commissione una valutazione oggettiva dello stesso.
Delle mail pervenute alla segreteria complete di tutti i dati, sarà inoltrato alla presidente e ai membri della giuria solo l’allegato con il racconto completo di titolo e categoria.
Nel caso di partecipazione delle scuole, sarà la scuola stessa ad inviare via mail gli elaborati.

ART. 4

Non verranno presi in considerazione i racconti:
che non rispetteranno quanto previsto all’art. 2;
che perverranno oltre la scadenza prevista dal presente bando;
che verranno inviati per vie diverse da quanto previsto all’art. 3.

ART. 5

Il presente bando viene pubblicizzato sui siti internet del Comune e dell’Associazione e tramite i media locali.

ART. 6

I racconti pervenuti saranno sottoposti all’esame di un’apposita giuria che definirà i criteri di valutazione e proclamerà  a suo insindacabile giudizio 3 racconti vincitori.
La giuria esaminatrice è così composta:
Presidente: Annalaura Bobbi (scrittrice)
Membri: Piera Piantoni (Assessore alle Pari Opportunità Comune di Narni), Gianni Giombolini (Assessore alla Cultura Comune di Narni) Roberta Isidori (Consigliera comunale Comune di Narni), Roberto Stopponi (Presidente Centro Studi Storici di Narni), Annamaria Amici (Dirigente scolastico) Claudia Sensi (Giornalista), Antonio Fresa (Insegnante),  Mauro Pulcinella (Direttore artistico Associazione Minerva-minervAArte).
Segreteria (senza diritto di voto): Mariacristina Angeli (presidente Associazione Minerva-minervAArte), Andreina Santicchia (Responsabile U.O. Attività Culturali Comune di Narni)


ART. 7

I vincitori verranno premiati con buoni per acquisto libri.
La premiazione verrà effettuata per categorie:
-    categoria A), riservata agli adulti;
-    categoria B), riservata agli alunni alla scuola secondaria di 2° grado;
-    categoria C), riservata agli alunni della scuola secondaria di 1° grado.
L’aggiudicazione, con la lettura dei brani vincitori, si terrà a Narni domenica 24 marzo 2013 alle ore 16.00 presso la Sala del Camino di Palazzo Eroli, alla presenza del Sindaco o dei suoi rappresentanti, dei componenti della giuria e di quanti vorranno partecipare.


ART. 8

Il Comune di Narni e l’Associazione Minerva si riservano la facoltà di pubblicare gli elaborati nei propri siti e di diffonderli tramite altri supporti di comunicazione.  I partecipanti al concorso cedono, contestualmente all’invio dei racconti, il diritto di pubblicazione  senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore; i diritti rimangono comunque di proprietà dei singoli autori.

ART. 9
I racconti premiati, menzionati e selezionati negli anni, saranno raccolti in una pubblicazione che verrà presentata nella 10 ° edizione del Premio Mimosa.

ART. 10

La partecipazione al concorso comporta da parte dell’autore, sotto la sua responsabilità, la implicita dichiarazione che le opere sono di sua produzione.

ART. 11

INFORMATIVA ai sensi della legge 196/2003 sulla tutela dei dati personali.
Il trattamento dei dati, di cui  si garantisce la massima riservatezza, è effettuato esclusivamente ai fini inerenti il concorso.


ART. 12

La partecipazione al concorso implica la completa accettazione del regolamento e l’autorizzazione al trattamento dei dati personali.


INFO:
U.O. Attività Culturali Comune di Narni 0744 726362
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.comune.narni.tr.it

Associazione Minerva 333 9144745; 0744 751626
contatto facebook Associazione minervA minervA Arte e/o Mariacristina Angeli
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.associazioneminervanarni.it
 
Concorso PREMIO MIMOSA 2012 - 7°edizione - RIDO PERCHE SONO PDF Stampa E-mail
Lunedì 20 Febbraio 2012 10:40
PREMIO MIMOSA 2012

“Sorridi sempre, anche se è un sorriso triste, perché più triste di un sorriso triste c’è la tristezza di non saper sorridere”.
(Jim Morrison)


7° edizione: RIDO PERCHE’ SONO


Il riso, il sorriso, l’autoironia possono favorire i rapporti, sciogliendo le  tensioni, diminuendo l'ostilita', accentuando la complicità, il senso di condivisione e la serenità degli individui. Eppure il riso per secoli è stato censurato, soprattutto nei comportamenti delle donne, assimilato alla follia, considerato non meritevole di studio né dalla scienza né dalla filosofia.
Il Comune di Narni- Assessorato alla Cultura e alle Pari Opportunita e l’Associazione Minerva in occasione dell’ Otto Marzo 2012 promuovono un concorso di scrittura narrativa finalizzato a promuovere il racconto di momenti in cui siano state vissute esperienze pertinenti con la tematica suggerita, per evocare ricordi significativi, per esprimere idee, sensazioni, stati d’animo, per affermare ideali, sogni, punti di vista.
I racconti potranno riguardare storie di vita vissuta o di pura fantasia e dovranno avere per protagoniste le donne, con tutto ciò che il loro variegato universo può rappresentare. “Altro elemento immancabile è l’autoironia, che deriva dalla capacità di confrontarsi sinceramente, di guardarsi con occhi diversi, di uscire per un attimo dai propri panni e confrontarli, per pochi secondi, con il resto dell’umanità, considerandoli per quello che sono realmente. Ciò permette di compiere un distacco emotivo dal proprio problema: se sono in grado di ridere di me stesso, divento più
grande e più forte e il mio problema si ridimensiona.
In più, divento un soggetto attivo, opero per apportare dei cambiamenti ed esco dalla passività. Nietzsche diceva: Non si può ridere di tutto e di tutti, ma almeno ci si può provare. Sorridere è un gesto apparentemente spontaneo, ma in realtà è carico di grande intenzionalità e volere. Se sorridiamo a qualcuno, quasi sicuramente quel qualcuno sarà pronto a ricambiare. E quella risposta, quella prova di contagio, sarà sufficiente per farci comprendere che nella vita, in fondo, vale sempre la pena sorridere” (Valentina Perrone, del sorriso e del riso).

L’iniziativa si propone di:

promuovere e valorizzare la cultura legata al mondo femminile;
affermare il punto di vista femminile;
contribuire a realizzare pratiche di uguaglianza delle opportunità;
contrastare la cultura falsamente neutrale di alcuni prodotti mediatici tesi a rendere la figura femminile oggetto di consumo, generando nuove discriminazioni e violenze;
esprimere, condividere e sostenere il valore delle differenze.

REGOLAMENTO
ART. 1

Il concorso è aperto a tutti, uomini e donne, di qualsiasi nazionalità ed età. Le scuole (medie inferiori e superiori) potranno partecipare con lavori sia individuali che di gruppo.
La partecipazione è gratuita.

ART. 2

I racconti, in lingua italiana, devono avere una lunghezza massima di 90 righe; ogni riga preferibilmente massimo di 58 battute e, comunque, in totale non oltre 5300 battute compresi gli spazi.
Al fine di consentire una corretta trasposizione dei testi, i racconti dovranno essere redatti in WORD (o similari) con caratteri di uso corrente (Times New Roman, Arial…) e senza particolari formattazioni di testo.
I racconti non devono contenere  disegni, grafica e nessun altro tipo di illustrazione.
Ad esclusione delle scuole, ogni partecipante può inviare un solo elaborato.
Nel caso di autori minorenni è obbligatoria l’autorizzazione a partecipare da chi esercita la potestà parentale con la specifica dei relativi dati anagrafici. Nel caso di partecipazione delle scuole, sarà la scuola stessa ad impegnarsi per l’autorizzazione.

ART. 3

I racconti inediti e liberi da contratti editoriali dovranno essere inviati esclusivamente tramite mail entro e non oltre il 16 MARZO 2012 ai seguenti indirizzi:
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

L’invio dovrà essere corredato dai dati identificativi dei partecipanti (nome, cognome, indirizzo, età, professione, recapiti telefonici), del titolo dell’elaborato e della categoria in cui si concorre:
-    categoria A), riservata agli adulti;
-    categoria B), riservata agli alunni alla scuola secondaria di 2° grado;
-    categoria C), riservata agli alunni della scuola secondaria di 1° grado.
Il racconto dovrà essere inoltrato unicamente a mezzo allegato anonimo, ripetendo il titolo, onde consentire alla commissione una valutazione oggettiva dello stesso.
Nel caso di partecipazione delle scuole, sarà la scuola stessa ad inviare via mail gli elaborati.

ART. 4

Non verranno presi in considerazione i racconti:

che non rispetteranno quanto previsto all’art. 2;
che perverranno oltre la scadenza prevista dal presente bando;
che verranno inviati per vie diverse da quanto previsto all’art. 3.

ART. 5

Il presente bando viene pubblicizzato sui siti internet del Comune e dell’Associazione e tramite i media locali.

ART. 6

I racconti pervenuti saranno sottoposti all’esame di un’apposita giuria che definirà i criteri di valutazione e proclamerà  a suo insindacabile giudizio 3 racconti vincitori.
La giuria esaminatrice è  così composta:
Presidente: Annalaura Bobbi (scrittrice)
Segretarie senza diritto di voto: Mariacristina Angeli (presidente associazione Minerva) e Santicchia Andreina (ufficio cultura Comune di Narni)
Membri: Simona Bozza (assessore Comune di Narni), Dante Ciliani (giornalista) Roberta Isidori (assessore Comune di Narni), Maria Lanari (consigliere Comune di Narni) , Mauro Pulcinella (direttore artistico associazione Minerva), Chiara Rossi (giornalista), Antonio Fresa (insegnante), Claudia Sensi (giornalista), Fiorella Soldà (scrittrice), Marina Toschi (consigliere  di Parità Regione Umbria).



ART. 7

I vincitori verranno premiati con buoni per acquisto libri.
La premiazione verrà effettuata per categorie:
-    categoria A), riservata agli adulti;
-    categoria B), riservata agli alunni alla scuola secondaria di 2° grado;
-    categoria C), riservata agli alunni della scuola secondaria di 1° grado.
L’aggiudicazione, con la lettura dei brani vincitori, si terrà a Narni domenica 25 marzo 2012 alle ore 16.00 presso la Sala del Camino di Palazzo Eroli, alla presenza del Sindaco o dei suoi rappresentanti, dei componenti della giuria e di quanti vorranno partecipare.

ART. 8

Il Comune di Narni e l’Associazione Minerva si riservano la facoltà di pubblicare gli elaborati nei propri siti e di diffonderli tramite altri supporti di comunicazione.  I partecipanti al concorso cedono, contestualmente all’invio dei racconti, il diritto di pubblicazione  senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore; i diritti rimangono comunque di proprietà dei singoli autori.

ART. 9

La partecipazione al concorso comporta da parte dell’autore, sotto la sua responsabilità, la implicita dichiarazione che le opere sono di sua produzione.

ART. 10

INFORMATIVA ai sensi della legge 196/2003 sulla tutela dei dati personali.
Il trattamento dei dati, di cui  si garantisce la massima riservatezza, è effettuato esclusivamente ai fini inerenti il concorso.

ART. 11

La partecipazione al concorso implica la completa accettazione del regolamento e l’autorizzazione al trattamento dei dati personali.


INFO:
Ufficio Attività Culturali Comune di Narni 0744 726362
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.comune.narni.tr.it

Associazione Minerva 333 9144745; 0744 751626
contatto facebook Associazione minervA minervAArte
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.associazioneminervanarni.it
 
Concorso NARNI LA NEVICATA DEL 2012 PDF Stampa E-mail
Lunedì 20 Febbraio 2012 10:33
NARNI: "LA NEVICATA DEL 2012"

La neve pose una tovaglia silenziosa su tutto.
...
Non si sente se non ciò che accade dentro casa.
Mi avvolgo in una coperta e non penso neppure a pensare.
Sento un piacere d’animale e vagamente penso,
e m’addormento senza minor utilità
di tutte le azioni del mondo.

Fernando Pessoa

L'Associazione minervA-minervAArte, promuove il concorso: NARNI "La Nevicata del 2012" - foto, video, poesie, canzoni.

Regolamento

Il concorso è aperto a tutti uomini, donne, ragazzi, bambini di tutte le età.

La partecipazione è gratuita

Gli elaborati dovranno essere inoltrati entro il 31 Marzo 2012 sull'apposita pagina creata su facebook e, completi di tutti i recapiti, e agli indirizzi mail: associazioneminerva@virgilio.it - mariacristina.angeli@gmail.com - - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Nel caso di foto e video vanno indicati i luoghi del territorio del Comune di Narni (comprese quindi tutte le frazioni) dove sono stati realizzati, si gradisce un titolo.

Possono essere inviati un massimo di 6 elaborati per quanto riguarda la fotografia, un solo elaborato per i video, la poesia e la canzone, per ogni partecipante.


Gli elaborati migliori saranno esposti in una mostra allestita dall'Associazione Minerva, in data e luogo da decidere, così come i premi.
Ci sarà una doppia premiazione, una determinata dai voti della giuria popolare, l'altra dai voti della giuria tecnica. I vincitori della giuria popolare saranno determinati su facebook, gli elaborati appariranno in un'apposita pagina e potranno essere votati cliccando "MI PIACE".

La giuria tecnica è così composta:

Presidente: MINO LORUSSO (giornalista rai 3)

Segretaria: MARIACRISTINA ANGELI (presidente Associazione Minerva)

Membri:

- FRANCESCO BUSSETTI (storico della cultura e dell'arte del territorio)

- CARLO CAPOTOSTI (Segretario Generale Ente Corsa Narni)

- SERGIO COPPI (artista)

- ANDREA CORVI (grafico pubblicitario)

- LUCILLA PICCIONI (giornalista de "Il Messaggero")

- MAURO PULCINELLA:(direttore artistico minervAArte)

Tutti gli elaborati inoltrati saranno comunque raccolti in un video, che verrà proiettato durante la mostra stessa, altre iniziative, da decidere, potranno essere promosse con lo stesso materiale.

L’invio degli elaborati, dovrà essere corredato dai dati identificativi dei partecipanti (nome, cognome, indirizzo, età, professione, recapiti telefonici)
Nel caso di partecipazione delle scuole, sarà la scuola stessa ad inviare via mail gli elaborati.

L’Associazione Minerva si riserva la facoltà di pubblicare gli elaborati nei propri siti e di diffonderli tramite altri supporti di comunicazione. I partecipanti al concorso cedono, contestualmente all’invio degli elaborati il diritto di pubblicazione senza aver nulla a pretendere come diritto d’autore; i diritti rimangono comunque di proprietà dei singoli autori.


La partecipazione al concorso comporta da parte dell’autore, sotto la sua responsabilità, la implicita dichiarazione che le opere sono di sua produzione.


INFORMATIVA ai sensi della legge 196/2003 sulla tutela dei dati personali.
Il trattamento dei dati, di cui si garantisce la massima riservatezza, è effettuato esclusivamente ai fini inerenti il concorso.


La partecipazione al concorso implica la completa accettazione del regolamento e l’autorizzazione al trattamento dei dati personali.




La Presidente dell'Associazione Minerva
Mariacristina Angeli

Associazione Minerva 333 9144745;

mariacristina.angeli@gmail.com
associazioneminerva@virgilio.it
www.associazioneminervanarni.it
facebook Associazione Minerva MinervAArte



N.B.:
i termini del concorso sono in fase di definizione, ma era importante divulgarlo immediatamente...la neve non durerà a lungo...tutti gli aggiornamenti saranno pubblicati sulla pagina dell'evento creato su facebook e sul sito dell'associazione
 
"TRATTI di TRATTE" Grafie di Mauro Pulcinella PDF Stampa E-mail
Lunedì 05 Dicembre 2011 17:00

 

"TRATTI di TRATTE"

Grafie di Mauro Pulcinella

 

Galleria Forzani  - Via Mazzini,53- Terni

 

8 - 15 dicembre 2011


inaugurazione 8 dicembre - ore 17,00

 

durante l'inaugurazione degustazione vino Cantine SANTOIOLO (etichetta  di Mauro Pulcinella)

 

a cura di Mariacristina Angeli - AssminervA-minervAArte  333 9144745


... La pratica artistica di Mauro Pulcinella viene da lontano e rende palese, ad oggi, il turbolento ma fecondo rapporto tra evoluzione e sedimentazione. Momenti di inquietudine si aprono a maggiore pacatezza su una strada lastricata da indugi, ripartenze, approdi, gratificazioni, interferenze continue. Questa è l’arte, bellezza! “Tratti di tratte” disvela un momento di sedimentazione (non di riposo!), un attracco prima di nuove rotte. Appare senza soluzione il conflitto tra il “già” e il “non ancora”. Questi fogli sono però una risposta maturata (e matura) per il fatto che non siamo di fronte all’invenzione felice di un momento ma ad un “compimento”, al frutto di una lunga stagione. La ricerca sulla stratificazione ha, in Pulcinella, un cuore antico e buoni prodotti. Qui siamo ad una “stazione” ove si mescolano sintesi e pulizia. Tutto quello che c’è stato prima (il percorso) è parte costituente di quanto si vede ora. Lungo la strada le cose che si incontrano vengono incluse e lasciano il segno (diventano segno): l’ingorgo, il semaforo, il mendicante … Non è il viaggio (l’esterno) che genera l’opera ma il movimento (l’interno). E’ bella e sensibile questa complessità. Se non c’è appagamento definitivo certamente c’è tranquillità. La stratificazione, quando i tratti si fanno più minuti, arriva all’essenziale ed in quel momento, si guardi bene, la poetica recupera sul fatto tecnico. Siamo ad uno snodo nella traiettoria dell’artista? Chi può dirlo? Se il lavoro è serio e fuori dalle lusinghe del “mercato” (meglio dire: commercio) gli snodi sono sempre in agguato e l’asticella del traguardo si sposta continuamente avanti. Così è per il nostro.

 

C’è una (possibile) metafora orientativa in questi “tratti di tratte”. Peregrinare è sempre perdersi in un altrove per poi ritrovarsi in una meta preordinata o fortuita. Il viaggio (il viaggiare) è come una esplorazione continua dove ogni approdo apre ad una nuova ricerca. Più semplicemente e senza enfasi il viaggiare “per segni” di Mauro Pulcinella, lunatico e stravagante, è un fissare pretesti e stati d’animo lungo una temporanea migrazione “a bordo” di un occasionale mezzo di locomozione. Si guarda fuori dal finestrino e, di rimando, si fissano segni su un foglio d’appunti. Quegli appunti sono l’opera. Il gioco sta nel formare dall’estemporaneo che scorre veloce un più stabile elaborato. In fondo si tratta di fare ritratti di luoghi seguitando quella fertile pratica usata con abbondanza di risultati durante il Grand Tour Sette-Ottocentesco, sebbene con altri modi e altri stilemi formali più orientati dall’impressione percepita che dalla fedele riproduzione visiva. L’impressione diventa segno, il segno è il ritratto del paesaggio. Bisogna accettare questa condizione preordinata, altrimenti l’opera resta incomprensibile e priva di significati a prescindere dalla sua gradevolezza formale. Condivisa la “chiave” di lettura sarà possibile partecipare il viaggio in tutti i suoi significati e percorsi, nei mutevoli scenari dell’orizzonte e nelle singole “stazioni di posta”. Nel fluire del segno (la traccia) si susseguono con controllato disordine e apparente casualità luoghi a bassa attrattività, spesso semplici “posti” geografici, borghi che sembrerebbero inesplorati (le “città invisibili”?). Pulcinella segue il ritmo del vettore, rallenta e riordina continuamente, è un bricoleur, esecutore di piccoli interventi riparatori della dimenticanza, dilettante (ma professionale) di una sempre più urgente “paesologia” civile. La colonna visiva che ne deriva scioglie un alfabeto di segni e situazioni del luogo abitato. Eloquente, opportunamente didascalica, è la striscia più lunga della serie. Questo fissare nella carta luoghi “secondari” è un rimedio salutare all’eccesso di quotidianità che ci appiattisce nell’indistinto della velocità, delle autostrade, dei mega centri commerciali: i non luoghi della modernità. L’operazione, però, è laica, senza retropensiero, un semplice annotare a modo suo il campo visivo del paesaggio che scorre oltre il finestrino. C’è odore di archeologia in giro: ecco l’itinerario veneziano che fissa (su tronco di cono rovesciato) ricordi recenti e allude in modo inconsapevole ma inoppugnabile a quel vaso d’argento della cosiddetta “stipe di Vicarello”, fatta risalire al I secolo, sul quale per la prima volta sono scritti i nomi di molte città che “tappa” di un esteso “itinerarium” che porta a Roma. E che dire della lunga carta che riporta diretta alla antica “tavola peutingeriana” documento fondamentale per conoscere le vie militari dell’impero romano? Mauro Pulcinella costruisce il suo Grand Tour della contemporaneità: altra faccenda dai viaggi che formarono tanti rampolli della borghesia europea dei secoli andati ma stessa curiosità, stessa capacità compilatoria, stessa abilità nell’osservare. Rappresentazione e metafora del viaggiare: ecco il sottotitolo per “Tratti di tratte”.

Francesco Bussetti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

orario mostra:

 

feriali 9,30-13,00 / 16,30-20,00

 

festivi 10,30-13,00/ 17,00-20,00

 

 

 

a cura di Mariacristina Angeli -AssminervA-minervAArte

 

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

333 9144745

 

 

Giovedì 8 dicembre degustazione vino Cantina SANTOIOLO (etichetta creata da Mauro Pulcinella)

 

 

 

 

 

 

 

 

<p>Segnalato su<br /><a href="http://news.umbriaonline.com/"><img src="http://news.umbriaonline.com/umbriaonline-news.png" alt="Umbria OnLine" /></a></p>

 
NARNI: IL ROCK AND ROLL INFIAMMA IL TEATRO MANINI DI NARNI PDF Stampa E-mail
Venerdì 27 Maggio 2011 21:07

NARNI: IL ROCK AND ROLL INFIAMMA IL TEATRO MANINI DI NARNI

Dalla platea al loggione, Teatro tutto esaurito nelle serate del 24 e 25 maggio per l’esibizione dei ragazzi del Laboratorio Musicale del Gandhi.

Ottimi ed entusiastici i giudizi del pubblico che si è lasciato contagiare dal ritmo frenetico e incalzante del Rock and Roll sin dalle prime note.

Performance incredibilmente eccellenti hanno sbalordito soprattutto coloro che ancora non avevano avuto l’occasione di conoscere la bravura di questi ragazzi che sono riusciti a raggiungere in brevissimo tempo livelli da veri e propri professionisti.

Uno spettacolo ineccepibile ed impensabile per essere stato progettato in un laboratorio scolastico, ma assolutamente in linea con gli altri otto che l’hanno preceduto, tutti di ottima qualità artistica e ricchi di contenuti.

Ottima la scelta di una stupenda Harley Davidson sul palco, la proiezione di film cult degli anni ’50, l’abbigliamento e le acconciature di tutto il gruppo in perfetto stile rockabillies.

Attraverso la musica è stata ripercorsa la storia del rock and roll a partire dalla metà degli anni cinquanta quando, sia in America che in Europa, la voglia di rinascita dopo la guerra iniziava a farsi sentire. Ed il ritmo del rock and roll ha rappresentato esattamente la volontà di scrollarsi di dosso un periodo buio della nostra storia.

Dal Rhythm and Blues allo Swing, dal grande Elvis Presley ai Queen, un tuffo nel passato ha fatto rivivere l’atmosfera di speranza e fiducia che ha caratterizzato la vita dei giovani rockabillies.

Ad animare ed arricchire la prima serata sono stati l’arrivo di una ventina di rombanti Harley Davidson, del club Terni V45 in Piazza dei Priori e l’intervento telefonico di Little Tony che ha voluto esprimere personalmente ai ragazzi tutta la sua approvazione per la scelta di un genere musicale ormai in via di estinzione ma che, come ha ricordato, ha gettato le basi del rock moderno.

Va infine ricordato che l’anima del laboratorio musicale, “lei che tutto muove e tutto fa”, come ha scherzosamente detto il presentatore è la Professoressa Adria Ingletto.

Si sono esibiti:

VOCI
Matteo Antoniella, Gabriele Carnevali, Sofia Catalucci, Sara Flamini, Sara Leonetti, Simona Maschiella, Sara Mazzucconi, Giulio Orsi, Roberta Rubini, Emanuel Samoila, Marco Scaia, Deborah Sciarra, Monica Succhiarelli

ORCHESTRA
Fabrizio Antonelli (tromba),Roberto Belli, Gabriele Carnevali (chitarra), Daniele Desideri (tromba), Francesco Desideri (sax), Giovanni Dominici (chitarra), Raffaele Catalucci (batteria), Akira Kikuchi (chitarra), Loris Mulassano (tastiera), Chiara Ovidi (chitarra), Francesco Trippanera (batteria), Marco Suatoni (basso)



BALLERINI
Ilaria Arcangeli, Ramona Blaga, Benedetta Mariani, Ambra Perotti, Erica Perotti, Giulia Reggi, Valerio Rossi, Maria Elena Santi, Lorenzo Siragusa, Ilenia Sordini, Sara Topino, Jenni Torja, Elena Varasi

PRESENTATORI
Gianfilippo Capotosti, Marco Scaia

HAIR STYLE & MAKE - UP
Simona Cotini, Sara Morelli, Francesca Pompei, Melania Sensini

E CON LA PARTECIPAZIONE DELL’ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA LADY GRAZIANA
Alessio Bolognini, Martina Bussoletti, Maria Cantatore, Lucia Di Mattia , Alessandro Manili,
Angelo Salvemini.

IDEAZIONE E ORGANIZZAZIONE
Adria Ingletto

MAESTRI
Cristina Luchetti, Nicola Mangialardo, Romano Quartucci

RIPRESE VIDEO
Paolo Bertolini

FOTO
Marzia Keller

COREOGRAFIE
Alessandra Desideri, Ilenia Sordini

GRAFICA
Daniele Alcidi, Pietro Novelli

SERVICE LUCI
Stas| Terni

SERVICE AUDIO
Tutto in Musica| Amelia

ASSISTENZA REGIA
Valentina Belloni

ARRANGIAMENTI E REGISTRAZIONI
Centro Studi Musica| Terni
Eugenio Pupilli

INFO: 3497168403

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 8

themesclub.com cms Joomla template